martedì 24 settembre 2013

Soft fitness: allenarsi con lentezza toccasana per la schiena



Body Symphony, Antigravity, Flowing e Acroyoga sono solo alcune delle discipline, ultima frontiera del fitness, che si basano sulla ginnastica «dolce». In barba a quanto comunemente si possa pensare, per mantenersi in forma non è per forza necessario sudare e faticare fino allo stremo. Il Body Symphony è un corso di stretching – di contrazione e allungamento dei muscoli - che si fa ascoltando la musica classica. Ideale per stimolare la muscolatura profonda e migliorare la postura. L'Antigravity, invece, è un mix di esercizi di yoga, pilates e ginnastica ritmica che si effettuano su un'amaca di tessuto elastico, sospesa nel vuoto dunque in assenza di gravità. Migliora la circolazione e dona sollievo alla colonna vertebrale e in particolare alla cervicale. Direttamente dalla Svezia arriva il Flowing, un allenamento fatto su un tappetino in PVC e utilizzando speciali «pads» ovvero pattine per mani e piedi. L'attrito che si crea è funzionale a potenziare il lavoro fatto dai muscoli.Per i più spericolati, infine, c'è l'Acroyoga: un'evoluzione dello yoga che prevede l'esecuzione degli esercizi in maniera acrobatica.

Post più popolari

Google+ Followers