martedì 24 settembre 2013

Endometriosi, nuova terapia si salva la fertilità



Otto volte su dieci hanno difficoltà nella vita lavorativa. Nel 73% dei acsi si scontrano con problemi di relazione con amici e familiari. E ancora: notti insonni e rapporti sessuali quasi impossibili. E' la quotidianità per tre milioni di italiane con endometriosi, malattia invalidante che colpisce soprattutto tra i 25 e i 34 anni, ed è una delle prime cause di infertilità. Ma dopo venti anni di silenzio la ricerca rende da oggi disponibile un nuovo trattamento efficace, con lievi effetti collaterali, che salva anche la fertilità. «E' una terapia a base di Dienogest - dice Felice Petraglia direttore della scuola di specializzazione in Ginecologia e ostetricia dell'università di Siena - l'unico progestinico orale studiato e messo in commercio con l'indicazione per il trattamento della patologia, con profili di tollerabilità e sicurezza che permettono l'impiego a lungo termine. E con buoni risultati anche per la fertilità, non durante la terapia, ma subito dopo la sua interruzione». Lo ha dimostrato un lavoro multicentrico europeo, coordinato dal policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena e pubblicato su Archives of gynecology and obstetrics. Sono state coinvolte 168 pazienti che avevano già completato un trattamento di tre mesi con la sostanza senza registrare particolari problemi. «La malattia - aggiunge Petraglia - colpisce il 10% delle donne in età fertile, che finora venivano trattate con farmaci ormonali veramente pesanti, una sorta di bomba atomica. Poi si è scoperto che nelle donne con endometriosi c'è un gene mutato che rende inattivo il recettore del progesterone. La ricerca si è messa al lavoro per farlo funzionare. Ne è uscito questo nuovo farmaco che attenua i sintomi della malattia».

Post più popolari

Google+ Followers